391.1107231

Chiama ora

9:00-19:00

Orari d'apertura: Lunedì - Venerdì

9:00-13:00

Orari d'apertura: Sabato

Facebook

 

Guida al preventivo per la ristrutturazione di un appartamento

Gruppo Abitiamo > Blog  > Guida al preventivo per la ristrutturazione di un appartamento

Guida al preventivo per la ristrutturazione di un appartamento

preventivo-ristrutturazione-appartamento

Tra tutte le domande che affiorano nella mente dei proprietari in procinto di ristrutturare una è senz’altro la regina: quanto costerà? Il secondo e il terzo posto lo conquistano invece: a chi rivolgersi? e quanto tempo servirà?

Anche se ogni storia di ristrutturazione è un caso a sé è comunque possibile tracciare alcune linee guida, valide soprattutto se i consigli non provengono solo dal “sentito dire” ma sono formulati per voi dagli esperti delle ristrutturazioni di Gruppo Abitiamo.

Da più di vent’anni la nostra squadra ristruttura le case degli italiani su tutto il territorio nazionale, forte delle moltissime collaborazioni attivate con architetti, geometri, professionisti e tecnici con ogni specializzazione.

Ma come si passa dalle intenzioni ai fatti? Inizia tutto dalle richieste di preventivo.

Come valutare un preventivo per la ristrutturazione dell’appartamento

Se dovete realizzare una ristrutturazione completa è preferibile chiedere il preventivo a qualcuno che possa seguire sia la fase progettuale che la messa in opera e che sappia gestire gli specialisti che devono avvicendarsi in cantiere.

In altre parole si tratta dei general contractor che, a differenza di quanto si creda, non rappresentano una soluzione più costosa rispetto la ristrutturazione tradizionale. Inoltre i vantaggi del rivolgersi ad unico interlocutore, sottoscrivendo un contratto che lo vincola a rispettare il budget e i tempi di consegna e nel quale sono ben definite responsabilità e penali, sono inestimabili.

Un ottimo preventivo per la ristrutturazione di un appartamento deve essere trasparente, facile da comprendere anche per i non addetti ai lavori e deve contenere indicazioni basilari, come:

  • numero preventivo, data di rilascio, periodo di validità del preventivo;
  • generalità del richiedente e di chi rilascia il preventivo;
  • elenco dei lavori nel dettaglio, con indicazione delle unità di misura, delle quantità, del prezzo unitario e del prezzo totale;
  • elenco dei materiali;
  • data di consegna;
  • i documenti e le certificazioni necessarie;
  • specificazione “cosa non è incluso in questo preventivo”;
  • termini e modalità del pagamento;
  • garanzie, assicurazione e responsabilità delle parti;
  • firme.

Un referente serio si riconosce anche dalla quantità delle domande che vi pone e dalla cura con cui viene effettuato il sopralluogo.

Chiedere più preventivi è utile proprio per saggiare la serietà delle ditte esaminando il documento e la perizia con cui viene redatto. Dovete invece evitare di cadere nel tranello dei prezzi stracciati, che celano sempre bugie e insidie.

Come si risparmia sul prezzo di ristrutturazione della casa?

prezzo-ristrutturazione-casa

Se i preventivi ricevuti non soddisfano le vostre esigenze di budget dovrete probabilmente rinunciare a qualcosa, cercando però, al tempo stesso, di non perdere di vista il bilancio costi-benefici.

Eliminate i rivestimenti

Piastrelle e altri rivestimenti alzano i costi dei materiali in misura consistente. Valutate le alternative: il mercato offre pitture di nuova generazione, lavabili, idrorepellenti e adatte anche alle zone più umide della casa. Per i pavimenti preferite formati standard perché piastrelle e listoni di 20-30 cm sono più economici.

Puntate su arredo low cost

Un arredamento a basso costo permette di acquistare l’indispensabile e sostituire poi nel tempo alcuni pezzi con altri di maggior pregio. D’altra parte e per fortuna i brand di arredamento in stile svedese e francese (non esiste solo Ikea!) offrono prezzi bassi e design capaci di accontentare i gusti di tutti. Il risparmio è anche sul trasporto e sul montaggio potendo, con un po’ di pazienza, fare tutto da soli.

Occorre però scegliere attentamente quali mobili di serie vale la pena acquistare. Per esempio non conviene quasi mai con le cucine, complesse da progettare e da assemblare e per le quali è sempre meglio rivolgersi a un mobilificio specializzato, dotato di un servizio di assistenza pre e post vendita.

Una seconda soluzione è quella di acquistare nei mercatini mobili vintage, specie se sapete come recuperarli. E, a questo proposito…

Valutate il fai da te

Alcune lavorazioni non possono prescindere dalla presenza di uno specialista competente in materia, ma molte altre si adattano a tutte quelle persone che siano dotate di un minimo di manualità e creatività e che abbiano tempo a disposizione.

Quali tempi aspettarsi per ristrutturare casa?

I tempi di ristrutturazione preoccupano molti. Chi si rivolge a noi chiedendoci un preventivo per la ristrutturazione del proprio appartamento vuole anche conoscere con precisione i tempi di consegna.

A seconda della situazione una ristrutturazione può richiedere dai 30 ai 90 giorni, e anche di più. Moltissime le variabili che incidono sui “pronostici”, come le dimensioni dell’immobile, il suo stato di conservazione, le lavorazioni richieste.

È quindi difficile dare una risposta univoca e soddisfacente, ma una certezza c’è: alcuni elementi sono controllabili e i tempi possono accorciarsi se si lavora con attenzione.

Noi di Gruppo Abitiamo sappiamo bene quanto una ristrutturazione completa incida, seppur momentaneamente, sulla qualità di vita e richieda ai nostri committenti di allontanarsi per un po’ dalla propria casa e dalle proprie abitudini.

Per questo motivo le nostre previsioni sono sempre accurate e i tempi di consegna pattuiti vengono rispettati: grazie alla scrittura di un programma dettagliato, con indicazione delle tempistiche imposte ai professionisti e agli operai, ristrutturare con noi significa lasciarsi alle spalle lo stress che tipicamente accompagna la ristrutturazione.

Nessun commento

Scrivi il tuo commento