391.1107231

Chiama ora

9:00-19:00

Orari d'apertura: Lunedì - Venerdì

9:00-13:00

Orari d'apertura: Sabato

Facebook

 

Bonus ristrutturazioni con cessione del credito a Poste Italiane: la guida passo passo di Gruppo Abitiamo

Gruppo Abitiamo > Blog  > Bonus ristrutturazioni con cessione del credito a Poste Italiane: la guida passo passo di Gruppo Abitiamo

Bonus ristrutturazioni con cessione del credito a Poste Italiane: la guida passo passo di Gruppo Abitiamo

Gli ultimi anni sono stati particolarmente vantaggiosi sul fronte delle detrazioni fiscali in ambito ristrutturazione. Chi ha acquistato un immobile trovandosi nella necessità di doverlo ristrutturare in tutto o in parte ha quasi sempre approfittato degli incentivi.

Secondo l’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, già nel 2018 gli italiani avevano realizzato 335 mila interventi ricorrendo all’ecobonus, mentre quest’anno sono 10 milioni le famiglie che si dichiarano intenzionate a usufruire dei benefici per la riqualifica del patrimonio immobiliare.

Al momento in cui scriviamo questo articolo (ottobre 2021) sono principalmente due le misure a favore di chiunque desideri aggiornare il proprio immobile e che riteniamo più convenienti per i nostri clienti:

  • il bonus ristrutturazioni (art. 16-bis DPR 917/198), che consiste in una detrazione IRPEF pari al 50% delle spese sostenute, con massimale di 96.000 €;
  • il bonus mobili, ovvero una detrazione IRPEF pari al 50% utilizzabile in caso di ristrutturazione edilizia, con massimale di 16.000 €.

Il bonus con sconto in fattura e il bonus con cessione del credito sono due ulteriori agevolazioni, pensate per chi non dispone della liquidità necessaria a coprire l’intero ammontare della spesa.

In questo articolo approfondiremo in particolare il bonus ristrutturazioni con cessione del credito, semplice da realizzare ristrutturando con Gruppo Abitiamo. Saranno infatti i nostri consulenti a guidarvi durante tutto il percorso di accesso ai benefici fiscali e a consigliarvi sul modo di procedere più conveniente per rispettare il budget che avete determinato.

Bonus ristrutturazioni: come funziona e come si accede alla cessione del credito

bonus-ristrutturazioni-cessione-credito

In quanto detrazioni il bonus ristrutturazioni e il bonus mobili sono benefici ripartiti in 10 quote annuali, il che significa che il cittadino contribuente dovrà intanto assumersi la spesa, potrà poi recuperarla progressivamente nel corso dei 10 anni successivi.

Come dicevamo per entrambi i bonus esiste però l’allettante possibilità di cedere il credito ad enti terzi come Poste Italiane.

In questo caso il 50% della spesa, maggiorata della commissione trattenuta dall’ente intermediario, si potrà subito risparmiare, ricevendo sostanzialmente un rimborso con accredito sul proprio conto bancario.

Rivolgendosi a noi di Gruppo Abitiamo è possibile ristrutturare ricorrendo al bonus con cessione del credito a Poste Italiane, la cui commissione ammonta al 17%.

Nonostante tale valore non sia trascurabile il vantaggio è notevole: è possibile effettuare cessioni del credito anche durante una ristrutturazione già avviata, per la quale, per esempio, si siano manifestate spese impreviste e non si abbia la liquidità. Si possono realizzare fino a tre cessioni per “SAL”, stato avanzamento lavori, recuperando ogni volta il 50% delle spese, IVA inclusa!

Per approfittare di questa opportunità è richiesto:

  • che la ristrutturazione sia in corso (con relativa CILA) e che si tratti di un recupero del patrimonio edilizio ai sensi dell’art. 16-bis, comma 1, lettere a) e b), del Tuir;
  • che tutti i pagamenti siano effettuati con bonifico parlante, ovvero il bonifico contenente anche i codici fiscali/partite IVA di beneficiario e ditta esecutrice e il riferimento alla norma che regola l’agevolazione;
  • un conto BancoPosta;
  • uno SPID attivo.

Se tutti i requisiti sono soddisfatti potrete realizzare la cessione del credito attraverso tre passaggi elementari.

infografica-bonus-ristrutturazioni-cessione-credito-poste

1) Compilazione della richiesta

La richiesta si compila sul portale di Poste Italiane ed è disponibile solo ed esclusivamente per i correntisti Banco Posta. L’apertura di un conto Banco Posta è dunque una condizione preliminare necessaria.

Alla richiesta non dovrete allegare alcuna documentazione. Procedete semplicemente scegliendo il bonus ristrutturazioni e inserendo il totale del credito che state cedendo, il quale, essendo la detrazione al 50%, corrisponde alla metà delle spese sostenute.

Dovete poi indicare le annualità: se per esempio la spesa viene fatta nel 2021, gli anni da inserire saranno 2022-2031.

2) Comunicazione all’agenzia delle entrate

Anche questo secondo passaggio non ha particolari criticità ma è necessaria un’identità digitale (SPID) rilasciata da un identity provider.

Una volta attivata siete pronti a visitare il sito dell’Agenzia delle Entrate per dare comunicazione della richiesta.

Qui effettuate il login tramite il vostro SPID ed entrate nell’area personale. Seguite poi il percorso: Servizi per > Comunicare > Comunicazione opzioni per interventi edilizi e Superbonus.

A questo punto potete compilare una nuova richiesta di cessione del credito inserendo le informazioni contenute nel contratto di Poste Italiane. In questo caso dovete inserire sia il totale della spesa che il totale ceduto all’intermediario (deve essere esattamente lo stesso numero inserito nella richiesta a Poste Italiane).

3) Riscossione del credito

Adesso non vi resta che attendere. Poste italiane attenderà e verificherà che la cessione compaia nel proprio cassetto fiscale, infine farà partire il vero e proprio processamento della richiesta.

In base alla nostra esperienza il tempo d’attesa è di circa 20 giorni: trascorso questo tempo, se la pratica si è conclusa positivamente, troverete l’accredito sul vostro conto corrente.

In conclusione, grazie alla legislazione fiscale particolarmente favorevole di questo periodo, potete avviare in casa quei lavori che rimandate da tempo, risparmiando molto e ottenendo un rimborso in tempi brevi. È davvero questo il momento migliore per ristrutturare!

Per chiederci consiglio e informazioni aggiuntive scrivete ai nostri consulenti o fatevi richiamare.

Nessun commento

Scrivi il tuo commento